Categoria: Che cos’è il diabete tipo 2

Più elevata prevalenza di diabete 2 tra i pazienti con epatite C

E’ stato riscontrato un legame epidemiologico tra epatite C cronica e diabete 2. iI ricercatori della Mayo Clinic and Foundation di Rochester miravano a determinare in modo prospettico la prevalenza di diabete 2 in pazienti naive per l’Interferone, affetti da epatite C, rispetto alla popolazione generale.Nello stesso studio è stata

Continua a leggere

Benefici dei diuretici nei pazienti diabetici con alti valori pressori

Nei pazienti diabetici, i diuretici possiedono, come gli Ace-inibitori e i calcioantagonisti, un effetto protettivo nei confronti dell’infarto del miocardio, migliorando la sopravvivenza.Inoltre, offrono maggiore protezione contro l’insufficienza cardiaca congestizia. Cio’ sarebbestato dimostrato dallo studio ALLHAT ( Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial ), sponsorizzato dal National

Continua a leggere

Effetti del fenofibrato nella dislipidemia diabetica

Sembra che i fibrati posseggano caratteristiche tali da essere particolarmente adatti al trattamento della dislipidemia diabetica, caratterizzata da elevati livelli di trigliceridi (e a volta di colesterolo LDL) e da bassi valori di HDL. Cio’ nonostante, pochi studi avevano, fin’ora, specificamente valutato l’impiego di tali farmaci nella popolazione diabetica: alta

Continua a leggere

Diabete di tipo 2 di nuova diagnosi, un breve ciclo di terapia intensiva con insulina può dare benefici nel lungo periodo

Il diabete 2 è associato a difetti nella secrezione dell’insulina e nell’ attività insulinica.L’iperglicemia può aggravare queste disfunzioni, un fenomeno noto come tossicità al glucosio. Studi precedenti avevano mostrato come la correzione acuta dell’iperglicemia nei soggetti con diabete di tipo 2 da lungo tempo conferisca miglioramenti solo di breve termine

Continua a leggere

Luna di miele nel diabete di tipo 2?

Lo stadio di “luna di miele”, nei soggetti affetti da diabete di tipo 1, è ben noto a tutti i diabetologi; le eventuali beta-cellule pancreatiche superstiti, al momento della diagnosi, sono inibite, dal punto di vista funzionale, dalle elevate concentrazioni glicemiche e dall’insulino-resistenza a livello periferico (fenomeno noto come “glucotossicità”).

Continua a leggere

Educazione di gruppo nel diabete di tipo 2: risultati a 5 anni di uno studio controllato randomizzato

Sono stati recentemente pubblicati su Diabetes Care i risultati a 5 anni di un trial controllato randomizzato sull’educazione di gruppo a soggetti affetti da diabete di tipo 2 rispetto all’assistenza individuale, condotto da un team di ricercatori torinesi (Prof. M. Porta e coll.). Lo studio, che ha reclutato 120 soggetti

Continua a leggere

Diabete di tipo 2 collegato a un difetto ereditario nel metabolismo mitocondriale?

Un gruppo di ricercatori americani della Yale University (New Haven, Connecticut, USA) sostiene, in un articolo recentemente apparso sul New England Journal of Medicine, che l’insulino-resistenza dei soggetti normopeso con familiarità di primo grado per diabete mellito di tipo 2 sia mediata da un difetto ereditario nella fosforilazione ossidativa mitocondriale.

Continua a leggere