Home » Diabete tipo 2 » Prevenzione » Perdere peso è salutare per le donne anziane
 
Perdere peso è salutare per le donne anziane PDF Stampa E-mail
Giovedì 30 Novembre 2006 07:28

Secondo un nuovo studio, condotto dalla Dr.ssa Gloria Mazzali dell'Università di Verona e pubblicato sul numero di novembre dell'American Journal of Clinical Nutrition perdere qualche chilo può migliorare la salute delle donne anziane, e non comporta perdite di tessuto muscolare.

L'equipe avrebbe verificato che le donne obese che avevano ridotto di almeno il 5% il peso corporeo mostravano una distribuzione più sana del grasso corporeo e una maggiore sensibilità all'insulina , e ciò ridurrebbe il rischio di sviluppare il diabete.

Con gli anni, gli strati adiposi tendono a crescere intorno all'addome e anche nel tessuto muscolare si accumulano grassi.
Questi cambiamenti nella distribuzione dei tessuti grassi sono collegati all'insulino-resistenza (una condizione considerata pre-diabetica) e ad altri problemi metabolici.

Per verificare l'esistenza di una relazione tra distribuzione del grasso corporeo e insulino-resistenza, la dottoressa Mazzali e la sua equipe ha studiato 35 donne, dai 58 agli 83 anni, che includeva un sottogruppo di 15 donne che avevano perso almeno il 5% del peso grazie a una dieta.
I ricercatori hanno valutato i livelli di due ormoni che vengono secreti dalle cellule adipose: la leptina ( coinvolta nei meccanismi di regolazione dell'appetito e del metabolismo) e la adiponectina (che gioca un ruolo nel metabolismo degli zuccheri e dei grassi, e nell'insulino-resistenza).

Il gruppo di ricerca di Verona ha riscontrato che più il pannello adiposo intorno all'addome era consistente, maggiore era l'insulino-resistenza delle donne.
Dopo la diminuzione di peso, anche la distribuzione del grasso corporeo era più sana, con uno strato adiposo inferiore intorno alla vita e nei muscoli.
Si notava inoltre una maggiore risposta all'insulina, senza che nelle donne ci fosse perdita di tessuto muscolare.

La perdita di peso riduce i livelli di leptina, ma non ha effetti su quelli di adiponectina.

Secondo gli studiosi, contrariamente a quanto affermato da ricerche precedenti "non esistono prove per considerare l'età avanzata come un fattore di rischio per una moderata perdita di peso nelle persone obese anziane".

 

 


American Journal of Clinical Nutrition, novembre 2006