Home » Diabete tipo 2 » Prevenzione » L'uva riduce diabete e malattie cardiache
 
L'uva riduce diabete e malattie cardiache PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Aprile 2010 17:35

L'uva da tavolo potrebbe ridurre le malattie cardiache e il diabete. Questo frutto ha infatti la capacita' di abbassare la pressione sanguigna, migliorare la funzione cardiaca e ridurre altri fattori di rischio per malattie cardiovascolari e per sindrome metabolica. Almeno questo e' quanto emerso da uno studio americano diffuso in occasione del convegno Experimental Biology in California. Secondo i ricercatori, l'uva contiene delle sostanze fitochimiche, antiossidanti presenti in natura, che avrebbero un effetto benefico sulla nostra salute. Dopo aver eseguito test sugli animali, i ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di uva previene i fattori di rischio per la sindrome metabolica, una condizione che spesso e' precursore del diabete di tipo 2. I ricercatori hanno confrontato i dati di due gruppi di topolini, uno che ha seguito una dieta ricca di uva verde, rossa e nera, e l'altro una dieta ricca di grassi e zuccheri. Dopo tre mesi, le cavie che avevano seguito una dieta a base di uva avevano una pressione sanguigna bassa e una migliore funzione cardiaca rispetto all'altro gruppo di topolini. Le cavie che hanno mangiato la frutta avevano anche livelli piu' bassi di trigliceridi e una migliore tolleranza al glucosio. "La possibile motivazione che sta dietro alla diminuzione della sindrome metabolica - ha detto Steven Bolling che ha coordinato lo studio - e' che le sostanze fitochimiche erano attive nel proteggere le cellule del cuore dagli effetti dannosi della sindrome metabolica. Nei topi, l'infiammazione del cuore e la funzione cardiaca si e' mantenuta molto meglio". "Anche se non c'e' una correlazione diretta tra questo particolare studio e che cosa l'uomo deve fare - ha aggiunto lo scienziato - e' molto interessante l'ipotesi che una dieta piu' ricca di frutta piena di sostanze fitochimiche, quali uva, puo' far bene agli esseri umani". -

 

AGI