Home » Diabete tipo 2 » Prevenzione » Probiotici in gravidanza contro il rischio diabete e obesità nel bambino
 
Probiotici in gravidanza contro il rischio diabete e obesità nel bambino PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Febbraio 2010 08:16

Un recente studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul British Journal of Nutrition, riconferma i benefici derivanti dall’uso di probiotici durante il periodo di gestazione.
Il problema di alcune mamme in attesa è quello di ritrovarsi con elevati livelli di zuccheri nel sangue. Tale situazione è anche detta “diabete gestazionale”.
Il rischio principale è quello che la mamma stessa possa sviluppare il diabete di tipo 2 dopo il parto, ma il rischio che corre il nascituro è quello di sviluppare l’obesità infantile e il diabete negli anni futuri.

Il dr. Raakel Luoto dell’Università finlandese di Turku, ha condotto uno studio in cui si è scoperto come l’uso di probiotici durante la gravidanza possa ridurre il rischio di diabete gestazionale del 20%. I benefici si trasmettono anche al feto che si sviluppa meglio permettendo il parto di un bambino con peso adeguato.
«Presi insieme, i benefici a lungo termine sulla salute per le madri e i bambini possono essere conferiti da un’equilibrata alimentazione della madre durante la gravidanza e l'allattamento, promuovendo la buona salute della flora microbica intestinale sia della madre che del bambino», hanno scritto i ricercatori.

Lo studio, durato due anni, ha coinvolto oltre 200 donne in gravidanza e ha mostrato come il rischio di diabete gestazionale sia stato ridotto con l’assunzione di probiotici: 13% di casi contro il 36% di casi nelle donne trattate con un placebo.
«Sulla base delle risultanze attuali, consulenza dietetica perinatale in combinazione con probiotici, potrebbero rappresentare un sicuro ed economico strumento efficace per affrontare l'epidemia di obesità», ha commentato il dr. Luoto.
La somministrazione di probiotici, poi, non ha sortito alcun effetto avverso né vi sono state influenze negative sulla durata della gravidanza, fanno infine notare i ricercatori.

 


(lm&sdp)

da La Stampa.it Benessere