Home » Diabete tipo 2 » Complicanze » L'acido urico, fattore di rischio per la calcolosi renale
 
L'acido urico, fattore di rischio per la calcolosi renale PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Aprile 2006 17:41

Le persone con diabete 2 hanno spesso livelli elevati di acido urico, un prodotto di rifiuto del nostro metabolismo. L'acidosi metabolica legata al diabete può causare un aumento dell'escrezione di sali di acido urico e la formazione di calcoli renali. Questo spiegherebbe l’aumentato rischio di calcoli renali di acido urico riscontrato nelle persone diabetiche.

Cio' emerge da uno studio – il primo a mettere a confronto le caratteristiche biochimiche delle vie urinarie dei diabetici tipo 2 con quelle di normali volontari che, a maggio, sarà pubblicato nel Journal of the American Society of Nephrology.

Secondo questo studio, le persone con diabete tipo 2 hanno un rischio maggiore di sviluppare una calcolosi renali in generale e calcoli renali di acido urico in particolare. La ragione di questo aumentato rischio risiederebbe nel fatto che hanno urine altamente acide.

Il prossimo passo della ricerca sarà quello di capire come mai i diabetici hanno una quantità anormale di acido urico e quali altri fattori proteggano quei diabetici che non formano calcoli di acido urico.

L’obesità e un’alimentazione ricca in proteine animali sono fattori associati ad elevati livelli di acido urico.
Tanto maggiore è il sovrappeso di una persona, tanto più alta sara' la possibilità di sviluppare calcoli renali di acido urico.
Alimentazione e obesità, da soli, non spiegano però la situazione.
Considerate entrambe le condizioni, infatti, i soggetti diabetici hanno comunque livelli di acido urico più alti se paragonati con soggetti non diabetici. Devono perciò esserci altri fattori legati al diabete 2 o all’insulino-resistenza che spieghino la quantità di acido urico nelle persone diabetiche.

I calcoli renali sono depositi solidi che si formano nei reni a partire da sostanza presenti nelle urine. Quando le sostanze di rifiuto non si sciolgono completamente nell’urina, iniziano a formarsi particelle microscopiche che, col tempo, si accrescono formando depositi solidi. Questi possono rimanere nei reni o rompersi e spostarsi lungo le vie urinarie.
I calcoli più piccoli possono essere espulsi naturalmente dal corpo. Quelli di dimensioni maggiori possono bloccarsi nell’uretere, la vescica o l’uretra, provocando forti dolori.

I calcoli di acido urico sono più difficili da diagnosticare rispetto ad altri tipi di calcoli perché non si vedono nelle normali radiografie addominali.

 

UT Southwestern Medical Center

aprile 2006